Condividi
 
Spiagge e relax › Africa › Tanzania  
Tanzania - I mille volti di Zanzibar IDV 272 (viaggio su misura - viaggio di nozze)
 
Scarica programma e costi del viaggio  
› Staff
› Scheda difficoltà: Mostra [+]› Scheda difficoltà: Nascondi [-]
› Diari di viaggio in Tanzania (6): Mostra [+]› Diari di viaggio in Tanzania (6): Nascondi[-]
Scheda difficoltà

Dove si dorme: +
Pernottamenti: in alberghi gestiti da realtà locali (privati o associazioni). Sono previste stanze doppie con servizi in camera.

Dove e cosa si mangia: +
I pasti verranno consumati in “ristorantini” locali; in un perfetto mix di tradizioni e ingredienti legati a tutto l’Oceano Indiano. In primo piano c’è sempre il pesce, tipicamente speziato e condito con diverse erbe e aromi o, semplicemente, alla griglia. Se preferite la carne, troverete soprattutto pollo o capra, ma anche moltissimi piatti vegetariani.

Come si fanno gli spostamenti interni: ++
Gli spostamenti saranno a bordo di vetture private con autista

Clima e ambiente naturale: ++
Le temperature sono elevate nei mesi da novembre ad aprile; miti nei mesi da maggio a settembre. La stagione delle grandi piogge va da metà febbraio a maggio, quella delle piccole piogge tra novembre e dicembre.

Passaporto:
necessario, con validità residua di 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese.

Visto d’ingresso: necessario, valido per l’intero territorio della Repubblica Unita della Tanzania, compresa Zanzibar.

Vaccinazioni: La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria esclusivamente per i viaggiatori provenienti da Paesi dove tale malattia è endemica (Kenya, Ethiopia, ecc.), anche nel caso di solo transito aeroportuale, se questo è superiore alle 12 ore ed in ogni caso se si lascia l’aeroporto di scalo. Si consiglia, comunque, anche a coloro che provengono da Paesi in cui tale malattia non è endemica, di munirsi del certificato di vaccinazione contro la febbre gialla.

Giudizio generale: +
Il viaggio è una immersione completa nella  realtà di Zanzibar. Tutti possono affrontare questo tipo di viaggio, purché muniti di un pizzico di spirito di adattamento e tanta voglia di aprirsi ad una realtà completamente differente dalla nostra vita di tutti i giorni.

Tanzania: il fascino del viaggio di turismo responsabile

Un itinerario di turismo responsabile a Zanzibar o meglio, Unguja l'isola principale dell'arcipelago di Zanzibar; un tour che in una settimana ci porterà fra i colori e i sapori dell'Africa.

Muoveremo i primi passi a Stone Town, anche nota come Mji Mkongwe ("città vecchia" in swahili). E’ tangibile il segno lasciato dalla sua storia ricca di influenze la cultura swahili infatti è contagiata da  elementi moreschi, arabi, persiani, indiani ed europei.; rendendo la città davvero affascinante, polo multiculturale e multietnico …tutta da scoprire!!!
Per la sua importanza storica e la sua architettura, la città è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.
Un melting pot che troverà conferma visitando i mercati dai colori accesi e speziati, il profumo del cardamomo, della cannella, dello zenzero e delle tante preziose spezie che hanno reso ricca e celebre quest’isola!
Sarà un divertimento perdersi nel dedalo di viuzze tortuose di Stone Town, passeggiando tra case dai magnifici portali, splendidi edifici in stile coloniale, bazar, moschee, cortili e fortezze.

Dalla capitale ci sposteremo verso la Jozani forest, un’area protetta dedicata alla conservazione della biodiversità.
La foresta è l’habitat privilegiato del “Red Colobus” e del Blue Sykes, entrambe specie di scimmie. La prima è una delle creature più in pericolo e più rare del mondo e si trovano soltanto a Zanzibar.
Davvero molto socievoli, amano essere fotografate e possono essere facilmente individuate con l’aiuto della guida. La foresta è meravigliosa, con un acquitrino nel centro e piccoli torrenti che fluiscono verso l’oceano.
 
Da qui la scelta sarà tutta vostra!!!

… ad attendervi…Jambiani;  piccolo villaggio di pescatori nel sud est dell’isola.
Sulla spiaggia nuvole di bambini curiosi e  donne sempre al lavoro. Sì, la spiaggia di Jambiani è in continuo movimento…sulla riva passanti in bicicletta, bimbi diretti a scuola, pescatori che riparano le loro reti; la giornata scorre “pole pole” (con calma) .

Jambiani è molto soggetta alle maree la spiaggia bianchissima viene risucchiata dal mare per poi nuovamente mostrarsi nel suo splendore.
Il dhow, la tipica imbarcazione locale, sarà il nostro mezzo per scoprire la barriera corallina.

Oppure potrete decidere di dirigervi verso l’estremo nord, Nungwi. Certamente località più nota  e affollata dal punto di vista turistico.
Lunghe passeggiate su spiaggia di borotalco, bagni di sole e di mare; prelibate cene di pesce freschissimo da gustare direttamente in spiaggia…mentre un tramonto mozzafiato ci fa da cornice.

Tappe

partenza minimo 2 persone

1° giorno: ITALIA – ZANZIBAR
2° giorno: STONE TOWN
3° giorno: JAMBIANI in alternativa NUNGWI
4° giorno: JAMBIANI in alternativa NUNGWI
5° giorno: JAMBIANI in alternativa NUNGWI
6° giorno:  JAMBIANI in alternativa NUNGWI
7° giorno:  JAMBIANI in alternativa NUNGWI
8° giorno:  rientro da JAMBIANI o in alternativa NUNGWI– PETE – STONE TOWN
9° giorno: PARTENZA PER L'ITALIA - ARRIVO IN ITALIA


 

I viaggiatori, gli accompagnatori, i nostri partner e le ong dei progetti visitati ci raccontano, con diari di viaggio, fotografie ed articoli la loro esperienza in Tanzania.

Fai un piccolo assaggio del viaggio!

 

Cosa rende speciale il viaggio

A  Stone Town scopriremo  la città, incontrando anche i tanti artigiani che con tanta energia mantengono viva la produzione tradizionale, rinnovandola e sostenendo l’economia locale.
 
E’ in questo quadro che si propone la nostra iniziativa di soggiorno a Zanzibar, dove usufruiremo sempre di strutture a gestione locale, attente al territorio e ai suoi abitanti.

Visita al villaggio di Pete, per conoscere il MOTO workshop, dove con la supervisione e l’aiuto degli artigiani del centro, ci metteremo alla prova e testeremo le nostre doti artistiche!

A Jambiani, ci immergeremo nella quotidianità di un tipico villaggio e potremo conoscere il Tourism Training Institute.
Con la formazione fornita dall'Istituto, i giovani di Jambiani possono rivolgersi al mondo del lavoro del settore turistico in forte espansione.

In alternativa per chi sceglierà il soggiorno a Nungwi

A Nungwi, visiteremo il piccolo villaggio e visiteremo la cooperativa Asilia.
Asilia è costituita da 24 gruppi di artigiani locali e imprenditori, per la maggior parte donne (71%), il progetto ha come scopo il sostegno e sviluppo dell’economia locale e della manifattura artigiana, preziosa gemma dell’isola.

Scarica programma e costi del viaggio  

Visualizzazione ingrandita della mappa
richiedi informazioni
* Campi obbligatori
Leggi l'informativa privacy
Ho letto l'informativa e presto il consenso al trattamento dei dati nei termini in essa indicati
Iscrivimi alla newsletter
dal
al
Viaggi Solidali aderisce ed è socio di
Viaggi Solidali Società Cooperativa Sociale Onlus - P.zza della Repubblica, 14, 10152 TORINO - Tel.: 011-4379468 - P.IVA: 08998700010
presso Residenza Temoporanea Luoghi Comuni